Surviving maternage

Sono viva.

Più stanca, con più rughe, con gli stessi chili, con più occhiaie, con meno soldi.

Ma viva.

E niente: era per evitare che non sembrasse così.

(Nel frattempo ho recuperato la password).

Annunci

5 giorni possono bastare

4 mesi e mezzo.e Denver era un bimbo meraviglioso: mangiava, dormiva, socievole, facile insomma. 

5 giorni con mia mamma ed è andato tutto a puttane, con licenza parlando.

E poi io sarei nevrotica. 

Bye bye attenzione

Sono ormai quasi 3 mesi abbondanti che inizio un post e regolarmente succede qualcosa che mi distrae, qualche emergenza che mi interrompe, qualcosa da fare che avevo scordato.

Dal messaggio dei nonni che esigono documentazione fotografica che il nipote sia in salute, all’Architetto che chiede la qualunque, al pulcino che ha fame/sonno/caldo-freddo/coccolite.

E quindi niente: il mio blog invecchia e si riempie di bozze, le mie mani si screpolano e le unghie si devastano, i miei libri si impolverano.

4 sopra un letto

Siamo sopravvissuti al primo mese e siamo tutti vivi. Iuhu! Però da metà settembre, giorni di visite ai nonni e bisnonno, Denver non ha più dormito da solo, né oltre l’ora e mezza.

Noi lo assecondiamo, perché non sono capricci, ma allattare ogni 5 minuti è davvero snervante.

Soprattutto la notte: siamo tutti nel lettone e tra Emi che fa fusa, L’Architetto che russa ha il respiro pesante e Denver che borbotta, io non riesco a riaddormentarmi.

Perciò mi godo la mia famiglia rumorosa anche quando dorme.

Denver nato dalla tempesta

Sono rientrata in Italia in modo un po’ rocambolesco e Denver è nato (lunedì scorso, oggi fa una settimana circa).

È stato terribile. È ancora terribile.

Prima il dolore, poi la stanchezza. Ora l’angoscia di sbagliare e che gli possa succedere qualcosa.

In realtà per la maggior parte del tempo sono serena, beh quasi. Positiva, quantomeno. Poi ho crolli e crisi di ansia e angoscia così, da zero.

L’Architetto mi è vicino, ma non può fare molto. Soprattutto perché uno che nasce tondo non può morire quadrato.

Spero che la Psycho torni presto dalle ferie.

Perlomeno 

È arrivato il giorno del rientro. Domani.

Antefatto. Gli ultimi mesi ho condiviso la casa con una collega e il marito. Ufficialmente perché da incinta è meglio così. Di fatto mi aveva fatto perdere una casa che avevo visto perché il marito doveva andare in America e le veniva comodo (e pure a me) smezzare l’affitto. Quando ho saputo che no, il marito non sarebbe andato, ormai ero al 5′ mese di gravidanza e da lì a tre mesi sarei rientrata e quindi che ti prendi casa sola? Ma dai, sei incinta.

Ora è incinta pure lei (finalmente), quindi cambiano casa ad agosto. 

Gli accordi erano che avrei lasciato degli scatoloni in casa sua nuova (ma dai, li porto in ufficio; ma va’, che mi costa), quindi mi preparavo a scendere con 3 valigie. 

E invece.

Ieri sera esce la domanda: “dove li lasci gli scatoloni? Perché ho pensato che in ufficio è meglio”. Ieri. E parto domani. 

Io col capo mica ci ho parlato: speriamo mi dica di sì, se no non lo so.

E in tutto ciò notte in bianco per l’ansia. Che è consigliato eh: incinta e con la sclerosi, l’ansia e lo stress sono proprio terapeutici.

Quello che più mi fa incazzare è che si riempie la bocca con società comunista, rete di amicizie e conoscenze, supporto reciproco e via andando. 

L’Architetto, per fare paragoni noti, perlomeno ha la decenza di non nascondere che è uno stronzo.