“Perché ci sei andata?”

Sabato sono andata dall’amica-che-tutto-sa (rewind: “sei malata?””sono contraria ai mutui, alla plastica, ai supermercati”).
È andata anche bene per il 90% del tempo in cui sono stata lì. Poi non so come sia uscito il discorso dell’epidurale, e da lì “scegli bene l’ospedale”e io con l’idea di spostarmi con la neurologia da casa a Venezia, e quindi parto in ospedale a Venezia… Orrore!
In ospedale a Venezia non è cosa; non sanno fare i parti (sic); se succede qualcosa devono venire con l’elicottero… E io avevo ben da dire che ci vuole coordinamento neurologia-ginecologia, che mica posso fare sotto travaglio 50 km. Niente.
E poi l’allattamento: non è detto che io possa, farmaci e cortisone non sono proprio la morte sua. Altro dramma.
L’unico commento di AB è stato “perché ci sei andata?”. Eh… Perché le voglio bene, perché è una cara persona, a parte quando fa la mamma.
E non è nemmeno la sicumera, a farmi star male. È il giudizio, sempre e comunque, costante. È il continuare a voler dare la propria opinione su tutto (il letto contenitore? Orrido: non si pulisce).

Perché ci sei andata?
Perché ci spero sempre.

3 pensieri su ““Perché ci sei andata?”

  1. Ha ragione su una cosa: il letto con contenitore non si pulisce, almeno da me (troppo pigra, troppo poco tempo, troppe cose dentro!).
    Il problema è che quando figliano credo di avere improvvisamente tutta la saggezza del mondo e le risposte a tutto (oltre a tutta una serie di diritti naturali che naturali non lo sono proprio).
    Per quanto riguarda la maternità penso che se una donna “normale” si fa mille paranoie (dalla musica al piano per il parto alla donazione del cordone al parto in acqua e via discorrendo), tu avrai tutti i diritti di cercare un centro adeguato.
    Per carità, lei era tuttologa ancor prima di avere un erede…

    • Già. Il letto contenitore non si pulirà, ma il signore ha inventato le scatole che contengono nel contenitore, quindi anche pazienza. Fosse mai stata una maniaca dell’igiene poi…
      Comunque c’è molto altro, tipo che posso sempre rifiutare la terapia per allattare, se la neurologa dice che devo riprenderla. Sigh.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...